Blog

A Tutto Vapore

La cottura a Vapore

E’ tra le cotture preferite della cucina orientale e oramai è sempre più diffusa anche da noi.

E’ una tecnica di cottura molto antica, che ha origine in Oriente, ma è anche straordinariamente moderna, perché è la migliore per ottenere piatti sani e leggeri. Infatti, cucinare a vapore permette di limitare la perdita di vitamine e sali minerali (facendo bollire gli ortaggi, per esempio, per il 95% vanno persi), di conservarne il gusto ed evitare l’aggiunta di condimenti in cottura. In pratica, grazie all’umidità sprigionata dall’acqua in ebollizione, gli alimenti non solo rimangono morbidi e succosi, ma perdono anche parte dei grassi, che si sciolgono in cottura. Un altro vantaggio? Utilizzando i cestelli a più ripiani o le vaporiere elettriche, si possono cuocere più pietanze simultaneamente, risparmiando tempo ed energia e potendo cosi comporre in un solo colpo piatti
completi e gustosi.

PESCE, VERDURE E…

La cottura al vapore è ideale per cucinare pesce e verdure, che in questo modo conservano quasi inalterati aroma e valori nutrizionali. Si può utilizzare anche per riso, pasta ripiena (come i ravioli cinesi), carne (soprattutto pollo) e persino per il pane.

 

I TRUCCHI DEL MESTIERE

  • Tagliare le verdure a cubetti piccoli e le carni a bocconcini: cuoceranno meglio e in minore tempo
    Vale anche per la frutta.
  • Porre i cibi nel cestello solo quando l’acqua è in piena ebollizione.
  • Aromatizzare l’acqua con succo di limone, con erbe aromatiche, oppure usando un brodo di verdure (per verdure, carne e pesce), di carne e pollo (per la carne) o di pesce (per pesci e crostacei): si sprigionerà un vapore che impregnerà delicatamente i cibi.
  • Adottare tempi di cottura molto brevi: dopo mezz’ora gli ortaggi perdono già molte delle loro
    vitamine.
  • Non aprire il coperchio: il farlo prolunga i tempi di cottura.
  • Verificare il livello dell’acqua, dev’essere sempre costante: se necessario, si rabbocca con acqua bollente. In ogni caso il liquido non deve toccare il cibo nel cestello, neppure durante l’ebollizione.
  • Aspettare che il vapore fuoriesca del tutto prima di estrarre i cibi.

GLI STRUMENTI GIUSTI PER FARE LA COTTURA A VAPORE

VAPORIERA ELETTRICA
Sicura e semplice da usare, ha il vantaggio di consentire diverse cotture contemporaneamente, grazie ai cestelli di diverse misure in dotazione.

VAPORIERA DI SILICONE
Versione più moderna e salvaspazio (anche se è di grandi dimensioni, spesso si può ripiegare), sfrutta le caratteristiche del materiale antiaderente, che non trattiene odori o sapori ed è facile da pulire.

PENTOLA A PRESSIONE
Per cucinare a vapore basta riempirla con pochissima acqua e porre i cibi nell’apposito cestello forato con i piedini. Riduce notevolmente i tempi di cottura.

 

FORNI A VAPORE
Fino a pochi anni fa erano strumenti riservati agli chef. Da qualche tempo alcuni produttori hanno immesso sul mercato forni con l’opzione vapore che funzionano in due modi: mediante un piccolo tubo che convoglia il vapore all’interno di un recipiente chiuso da sistemare nel forno, oppure inviando il vapore direttamente nella camera di cottura.

Visita i siti dei migliori produttori di forni a vapore: ELECTROLUX  –  AEG    –  NEFF

Elettrodomestici